Lettera di invito e documentazione della gara d'appalto per la tenenza dei Carabinieri di Cassano D’Adda

Agli Operatori Economici



Milano, 17 maggio 2021

OGGETTO: AFFIDAMENTO DELL’APPALTO DI LAVORI PER LA COSTRUZIONE DELLA NUOVA SEDE PER LA TENENZA DEI CARABINIERI DI CASSANO D’ADDA – CIG 8116517 – CUP I72F20000520007

LETTERA DI INVITO

Ai sensi dell’art. 1, comma 2, lett. b) e dell’art. 2, comma 4, del D.L. n. 76/2020 convertito con legge L. n. 120 del giorno 11/09/2020, con la presente la società Officine Mak S.r.l. Vi invita a formulare la Vostra migliore offerta per l’affidamento dei lavori in oggetto, secondo le modalità e le condizioni di seguito indicate.

Premessa e riserve

La presente lettera di invito non vincola in alcun modo la società Officine Mak S.r.l. alla successiva aggiudicazione della presente procedura e alla stipulazione del relativo contratto di appalto. In particolare, l’operatore economico, all’atto della presentazione della propria offerta, prende atto ed accetta che la società Officine Mak S.r.l. si riserva espressamente la possibilità di annullare e/o revocare la gara senza che i candidati possano avanzare pretese di qualsiasi genere e natura, anche a titolo risarcitorio. L'aggiudicazione, subordinata altresì al concretizzarsi di tutti i presupposti, di qualsivoglia natura di legge, di regolamento e del procedimento concorsuale propedeutici all'espletamento della prestazione nonché all’acquisizione di tutte le aree interessate dai lavori oggetto dell’appalto, non è impegnativa per la Officine Mak S.r.l. e non dà diritto alla stipulazione del contratto od a qualsivoglia rivendicazione, pretesa, aspettativa o richiesta di sorta da parte dei concorrenti e dell'aggiudicatario.

ARTICOLO 1 – OGGETTO DELL’APPALTO

L'appalto avrà per oggetto l’esecuzione, da parte dell’Appaltatore, dei lavori per la costruzione su lotto libero

della nuova sede della Tenenza dei Carabinieri di Cassano D’Adda. Le lavorazioni oggetto dell’Appalto possono essere così descritte:

- realizzazione di nuova caserma dei Carabinieri con annessi n. 4 alloggi

ARTICOLO 2 – IMPORTO STIMATO DELL’APPALTO

L’importo complessivo stimato dell’appalto, compresi gli oneri per la sicurezza, IVA esclusa, ai sensi dell’art.

35, comma 4, d.lgs. n. 50/2016, ammonta a 2.868.456,17 così suddiviso:

  • euro 2.749.956,41 importo lavori;
  • euro 118.499,76 importo oneri della sicurezza esterni, non soggetti a

Ai sensi dell’art. 23, comma 16, del d.lgs. n. 50/2016, l’importo posto a base di gara comprende i costi della manodopera relativi all’intero appalto, stimati in complessivi € 809.454,80.

Si precisa che, al fine di determinare l’importo complessivo dell’appalto, si è tenuto conto delle necessarie misure di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID 19, delle quali i Concorrenti dovranno tenere conto nella formulazione dell’offerta.

L’Appalto e i relativi costi della sicurezza saranno contabilizzati interamente a corpo.

Il progetto esecutivo è stato validato in fase di progettazione dal Responsabile del Procedimento, Ing. Giovanni Rossi, in data 25 marzo 2021.

I lavori si compongono delle seguenti lavorazioni:


OG1 € 2.044.559,03 (classifica IV) categoria prevalente

OS30 € 310.437,25 (classifica II)

OS28 € 273.316,76 (classifica I)

OS3 € 121.643,37 (non occorre iscrizione SOA)


Ai sensi dell’art. 79 comma 16 del DPR n. 207/2010 “l'Impresa qualificata nella cat.OG11 può eseguire i lavori

in ciascuna delle categorie OS3, OS28 e OS30 per la classifica corrispondente a quella posseduta”

La percentuale di incidenza della manodopera è pari al 29,44%.

Si potrà procedere all’affidamento anche in presenza di una sola offerta valida.

ARTICOLO 3 – PAGAMENTO DEL CONTRIBUTO A FAVORE DELL’ANAC - GARANZIA PROVVISORIA - CAUZIONE DEFINITIVA - POLIZZA ASSICURATIVA

3.1 Contributo ANAC

I concorrenti effettuano, a pena di esclusione, il pagamento del contributo previsto dalla legge in favore dell’Autorità Nazionale Anticorruzione per un importo pari a € 140,00 secondo le modalità di cui alla delibera ANAC n. 1197 del 18 dicembre 2019 pubblicata sul sito dell’ANAC nella sezione “contributi in sede di gara” e allegano la ricevuta ai documenti di gara.

In caso di mancata dimostrazione dell’avvenuto pagamento, la Stazione Appaltante esclude il concorrente dalla procedura di gara.

3.2 Garanzia provvisoria

Per la partecipazione alla presente procedura non è richiesta la cauzione provvisoria.

3.3 Cauzione definitiva

All’atto della stipulazione del contratto l’aggiudicatario deve presentare la cauzione definitiva, nella misura e nei modi previsti dall’art. 103 del d.lgs. n. 50/2016 e dell’art. 11 del Capitolato Speciale d’Appalto.

3.4  Polizza assicurativa

Ai sensi dell’art. 103 del d.lgs. n. 50/2016, l’esecutore è obbligato a stipulare una polizza assicurativa che tenga indenne la Stazione Appaltante da tutti i rischi di esecuzione da qualsiasi causa determinati, così come meglio specificato all’art. 12 del Capitolato Speciale d’Appalto.

ARTICOLO 4 – SUBAPPALTO

Ai sensi dell’articolo 105 del d.lgs. n. 50/2016, l'eventuale subappalto delle lavorazioni in appalto non può superare la quota del 40% dell'importo complessivo del contratto. Poiché il subappalto è un istituto che prima di tutto consente all’appaltatore di delegare a terzi l’esecuzione di una parte dell’appalto (e quindi, in sostanza, di non doversi organizzare per eseguire direttamente tutto l’appalto) si ritiene che, per le caratteristiche ed i tempi di esecuzione delle lavorazioni da eseguire, detta “delega” a terzi possa essere autorizzata sino al limite del 40% dell’importo complessivo di contratto. Detto limite, pertanto, è finalizzato a garantire:

  1. che l’appalto si sviluppi attraverso un insieme coordinato di lavorazioni da realizzarsi il più possibile in maniera continuativa;
  2. che il livello qualitativo sia raggiunto attraverso una preponderante e continua attività dell’impresa aggiudicataria che determini uniformità e tempestività nei livelli di esecuzione attraverso una costante attività di coordinamento degli esecutori delle prestazioni richieste;
  3. il diretto e continuo controllo dei requisiti tecnico/prestazionali dell’impresa aggiudicataria (che comunque resta responsabile in via esclusiva nei confronti della Stazione Appaltante ai sensi dell’articolo 105, comma 7, del d.lgs. n. 50/2016) e delle imprese operanti in subappalto;
  4. i più elevati livelli di sicurezza, riducendo le interferenze tra personale di diverse imprese operanti sul medesimo cantiere;
  5. la minore interconnessione dei lavori, intesa come riduzione delle "interferenze di cantiere", con riduzione del rischio derivante dal contemporaneo affidamento di più lavori ad una molteplicità di imprese (di difficile coordinamento) che potrebbe pregiudicare la buona esecuzione degli

Il concorrente deve indicare nell’apposita sezione del DGUE (Allegato B) le parti di lavori che intende subappaltare o concedere in cottimo. In mancanza di tali indicazioni il successivo subappalto è vietato.

La mancata espressione della volontà di ricorso al subappalto, per quelle categorie a qualificazione obbligatoria non possedute dal partecipante, comporta l’esclusione dalla gara.

Gli affidatari dovranno comunicare alla Stazione Appaltante la parte delle prestazioni eseguite dal subappaltatore con la specificazione del relativo importo e con proposta motivata di pagamento.

ARTICOLO 5 – AVVALIMENTO

Ai sensi dell’art. 89 del d.lgs. n. 50/2016, l’operatore economico, singolo o associato ai sensi dell’art. 45 del Codice, può dimostrare il possesso dei requisiti di carattere tecnico e professionale di cui all’art. 83, comma 1, lett. b) e c) del d.lgs. n. 50/2016 avvalendosi dei requisiti di altri soggetti, anche partecipanti al raggruppamento.

Non è consentito l’avvalimento per la dimostrazione dei requisiti generali e di idoneità professionale.

Ai sensi dell’art. 89, comma 1, del d.lgs. n. 50/2016, il contratto di avvalimento contiene, a pena di nullità, la

specificazione dei requisiti forniti e delle risorse messe a disposizione dall’ausiliaria.

Il concorrente e l’ausiliaria sono responsabili in solido nei confronti della Stazione Appaltante in relazione alle prestazioni oggetto del contratto. È ammesso l’avvalimento di più ausiliarie. L’ausiliaria non può avvalersi a sua volta di altro soggetto.

Ai sensi dell’art. 89, comma 7 del d.lgs. n. 50/2016, a pena di esclusione, non è consentito che l’ausiliaria

presti avvalimento per più di un concorrente e che partecipi alla medesima gara come concorrente.

L’ausiliaria può assumere il ruolo di subappaltatore nei limiti dei requisiti prestati. L’impresa ausiliaria deve produrre:

  1. DGUE, con le informazioni richieste dalle sezioni A e B della parte II e dalla parte III, debitamente compilato e firmato dal legale rappresentante;
  2. Dichiarazione sottoscritta dal legale rappresentante attestante:
  1. il possesso dei requisiti tecnici e delle risorse oggetto di avvalimento;
  2. l’obbligo verso il concorrente e verso la Stazione Appaltante a mettere a disposizione per tutta la durata dell’appalto le risorse necessarie di cui è carente il concorrente;
  3. di non partecipare alla gara in proprio o associata o consorziata ai sensi dell’art. 48 del d.lgs. n. 50/2016, né di trovarsi in una situazione di controllo di cui all’art. 80, comma 5, lett. m), con una delle altre imprese che partecipano alla gara;
  1. originale o copia autentica del contratto in virtù del quale l’impresa ausiliaria si obbliga nei confronti del concorrente a fornire i requisiti e a mettere a disposizione le risorse necessarie per tutta la durata dell’appalto; il contratto dovrà contenere quanto previsto dall’art. 89 del d.lgs. n. 50/2016 e dovrà riportare, a pena d’esclusione, in modo compiuto, esplicito ed esauriente, l’oggetto, le risorse e i mezzi prestati in modo determinato e specifico, la durata ed ogni altro elemento utile ai fini dell’avvalimento.

A eccezione dei casi in cui sussistano dichiarazioni mendaci, qualora per l’ausiliaria sussistano motivi obbligatori di esclusione o laddove essa non soddisfi i pertinenti criteri di selezione, la Stazione Appaltante impone al concorrente, ai sensi dell’art. 89, comma 3 del d.lgs. n. 50/2016, di sostituire l’ausiliaria.

È sanabile, mediante soccorso istruttorio, la mancata produzione della dichiarazione di avvalimento o del contratto di avvalimento, a condizione che i citati elementi siano preesistenti e comprovabili con documenti di data certa, anteriore al termine di presentazione dell’offerta.

 La mancata indicazione dei requisiti e delle risorse messi a disposizione dall’impresa ausiliaria non è sanabile in quanto causa di nullità del contratto di avvalimento

 

ARTICOLO 6 – DURATA DEL CONTRATTO

L’Appalto ha la durata di 427 (quattrocentoventisette) giorni naturali e consecutivi, decorrenti dalla data del verbale di consegna dei lavori; nel caso di consegna parziale delle aree interessate dai lavori, il termine di ultimazione dei lavori decorre, in ogni caso, dal primo verbale di consegna parziale delle aree.

Come previsto dall’art. 106, comma 12 del d.lgs. n. 50/2016, qualora in corso di esecuzione si renda necessario un aumento o una diminuzione delle prestazioni fino a concorrenza di un quinto dell’importo dell’appalto, la Stazione Appaltante può imporre all’appaltatore l’esecuzione alle stesse condizioni previste nel contratto originario.

ARTICOLO 7 – MODALITA’ DI PRESENTAZIONE DELL’OFFERTA

I soggetti interessati dovranno presentare entro le ore 12.00 del giorno 7 giugno 2021, il plico contenente l’offerta e la documentazione da trasmettere, a pena di esclusione, a mezzo raccomandata del servizio postale o mediante agenzia di recapito, al seguente indirizzo:

G.B. & PARTNERS S.r.l. – Via Varalli n.37 – 26845 Codogno (LO)

È altresì facoltà dei concorrenti consegnare a mano il plico tutti i giorni feriali, escluso il sabato, dalle ore 9,30 alle ore 12.00 presso l’indirizzo sopra indicato. Il personale addetto rilascerà ricevuta nella quale sarà indicata data e ora di ricezione del plico. Il recapito tempestivo dei plichi rimane ad esclusivo rischio dei mittenti.

I documenti di gara sono accessibili all’indirizzo www.officinemak.it

I Concorrenti che intendono partecipare al presente appalto dovranno acquisire on-line la documentazione di gara che sarà composta dai seguenti elaborati:

  • Lettera d’invito;
  • Elaborati tecnici: Capitolato Speciale d'Appalto e documentazione tecnica;
  • Modelli per le dichiarazioni amministrative (da inserire nella busta A);
  • Testo di offerta economica (da inserire nella busta B);
  • Schema di contratto;
  • Eventuali chiarimenti, che costituiranno parte integrante della lex specialis di

Per partecipare alla procedura di gara, gli operatori economici in possesso dei requisiti di partecipazione dovranno inviare la propria offerta, entro il termine di scadenza stabilito dalla presente lettera di invito.

Al fine di ridurre il rischio di vizi formali o sostanziali che potrebbero condurre alla non ammissione alla gara, laddove venga richiesto l’invio di specifica documentazione, i concorrenti sono invitati a utilizzare, ove presenti, i modelli forniti.

Si precisa che:

  • non è consentita la presentazione delle offerte per via telematica;
  • è ammessa la consegna a mano dei plichi, con posta, con raccomandata RR e con corriere autorizzato, entro il termine e presso l’ufficio indicato alla presente lettera di

7.1  Modalità di presentazione.

L’offerta, nel suo complesso intesa, dovrà essere inserita in plico idoneamente sigillato (si invitano i concorrenti, ove possibile, a non utilizzare la ceralacca), in modo da garantire la segretezza delle offerte, e deve recare all’esterno – oltre all’intestazione del mittente ed all’indirizzo dello stesso – le indicazioni relative all’oggetto della gara “APPALTO PER L’AFFIDAMENTO DEI LAVORI PER LA COSTRUZIONE DELLA NUOVA SEDE

PER LA TENENZA DEI CARABINIERI DI CASSANO D’ADDA - Non aprire”, nonché il giorno e l’ora dell’espletamento della presente procedura di gara.

Si precisa che nel caso di raggruppamenti temporanei di imprese, consorzi ordinari, aggregazioni tra le imprese aderenti al contratto di rete, GEIE, vanno riportati sul plico i nominativi e gli indirizzi dei partecipanti, sia se questi sono già costituiti e sia se sono da costituirsi.

Per la ricezione utile delle offerte farà fede il timbro apposto dall’Ufficio Protocollo della Stazione Appaltante. Il recapito del plico è ad esclusivo rischio del mittente, ove, per qualsiasi motivo, il plico non pervenga a destinazione in tempo utile.

7.2  Contenuto del plico e delle buste

Il plico deve contenere all’interno due buste, a loro volta, a pena di esclusione, idoneamente sigillate, al fine di garantire la segretezza del loro contenuto, recanti l’intestazione del mittente, l’indicazione dell’oggetto dell’appalto e la dicitura rispettivamente:

- Busta A – Documentazione Amministrativa;
- Busta B – Offerta Economica

Di seguito si riporta il contenuto di ciascuna busta.


A.  BUSTA “AMMINISTRATIVA”

L’operatore economico dovrà allegare, a pena di esclusione, la seguente documentazione:

  1. domanda di partecipazione alla gara, sottoscritta dal legale rappresentante e redatta preferibilmente utilizzando il modulo Allegato A. L’utilizzo di tale modulo non è vincolante per gli operatori economici. Nel caso di non utilizzo di detto modulo, la domanda di partecipazione dovrà comunque consentire l’identificazione della provenienza dell’offerta e contenere tutte le informazioni e dichiarazioni ivi indicate;
  2. eventuale procura, in originale o copia autentica, nel caso in cui la presentazione dell’offerta avvenga da parte di procuratori;
  3. (nel caso di consorzi stabili, consorzi di cooperative e di imprese artigiane) atto costitutivo e statuto del consorzio ordinario in copia autentica, con indicazione delle imprese consorziate;
  4. (nel caso di RTI costituiti) mandato collettivo irrevocabile con rappresentanza, conferito alla mandataria per atto pubblico o scrittura privata autenticata, con indicazione del soggetto designato quale mandatario, delle quote di partecipazione al raggruppamento e delle quote di esecuzione che verranno assunte dai concorrenti riuniti;
  5. (nel caso di consorzi ordinari o GEIE costituiti) atto costitutivo e statuto del consorzio o GEIE in copia autentica, con indicazione del soggetto designato quale capogruppo e indicazione della quota di partecipazione al consorzio nonché delle quote di esecuzione dei lavori che verranno assunte dai concorrenti consorziati;
  6. (nel caso di RTI, consorzi ordinari o GEIE costituendi) impegno, in caso di aggiudicazione, ad uniformarsi alla disciplina vigente con riguardo ai raggruppamenti temporanei, consorzi o GEIE e indicazione della quota di partecipazione al raggruppamento nonché delle quote di esecuzione dei lavori che verranno assunte dai concorrenti riuniti o consorziati;
  7. (nel caso di reti di imprese dotate di un organo comune con potere di rappresentanza e di soggettività giuridica) copia autentica del contratto di rete, redatto per atto pubblico o scrittura privata autenticata, ovvero per atto firmato digitalmente a norma dell’art. 25 del lgs. n. 82/2005, con indicazione dell’organo comune che agisce in rappresentanza della rete e indicazione delle quote di partecipazione all’aggregazione di imprese che partecipa alla gara, nonché delle quote di esecuzione dei lavori che verranno assunte dalle singole imprese della rete;
  8. (nel caso di reti di imprese dotate di un organo comune con potere di rappresentanza ma privo di soggettività giuridica) copia autentica del contratto di rete, redatto per atto pubblico o scrittura privata autenticata, ovvero per atto firmato digitalmente a norma dell’art. 25 del lgs. n. 82/2005, recante il mandato collettivo irrevocabile con rappresentanza conferito alla impresa mandataria, con l’indicazione del soggetto designato quale mandatario e delle parti del servizio o della fornitura che saranno eseguite dai singoli operatori economici aggregati in rete; (qualora il contratto di rete sia stato redatto con mera firma digitale non autenticata ai sensi dell’art. 24 del d.lgs. n. 82/2005, il mandato nel contratto di rete non può ritenersi sufficiente e sarà obbligatorio conferire un nuovo mandato nella forma della scrittura privata autenticata, anche ai sensi dell’art. 25 del CAD) con indicazione delle quote di partecipazione all’aggregazione di imprese che partecipa alla gara, nonché delle quote di esecuzione dei lavori che verranno assunte dalle singole imprese della rete;
  9. (nel caso di reti di imprese dotate di un organo comune privo del potere di rappresentanza o sprovviste di organo comune ovvero con organo comune sprovvisto dei requisiti richiesti) copia autentica del contratto di rete, redatto per atto pubblico o scrittura privata autenticata, ovvero per atto firmato digitalmente a norma dell’art. 25 del Lgs. n. 82/2005, con allegato il mandato collettivo irrevocabile con rappresentanza conferito all’impresa mandataria, recante l’indicazione del soggetto designato quale mandatario e delle quote di partecipazione all’aggregazione di imprese che partecipa alla gara e delle quote di esecuzione che verranno assunte dalle singole imprese di rete Oppure (qualora il contratto di rete sia stato redatto con mera firma digitale non autenticata) copia autentica del contratto di rete, redatto per atto pubblico o scrittura privata autenticata, ovvero per atto firmato digitalmente a norma dell’art. 25 del d.Lgs. n. 82/2005, con impegno, in caso di aggiudicazione, ad uniformarsi alla disciplina vigente in materia con riguardo ai raggruppamenti temporanei, e indicazione delle quote di partecipazione all’aggregazione di imprese che partecipa alla gara, nonché delle quote di esecuzione dei lavori che verranno assunte dalle singole imprese della rete;
  10. DGUE debitamente compilato secondo il modello allegato (Allegato B);
  11. modello autocertificazione dichiarazione sostitutiva di iscrizione alla CCIAA (Allegato C);
  12. attestazione di avvenuto sopralluogo (Allegato D);
  13. dichiarazione attestante le parti d’appalto che si intendono subappaltare, ai sensi di quanto previsto dall’art. 105 del d.lgs. n. 50/2016. In assenza di tale dichiarazione, in fase di esecuzione non potranno essere autorizzate eventuali richieste di affidamento in subappalto. Si rimanda all’art. 4 -SUBAPPALTO della presente lettera di invito per ulteriori prescrizioni in merito al subappalto;
  14. copia avvenuto pagamento contributo ANAC la cui entità è stabilita nella Delibera n. 1197 del 18 dicembre

Tutte le dichiarazioni rese ai sensi del D.P.R. 445/2000 dovranno essere corredate da copia fotostatica di un documento di identità, in corso di validità, del sottoscrittore. Qualora le dichiarazioni, appartengano al medesimo soggetto è sufficiente la presentazione di una sola fotocopia del documento di identità.

Le carenze di qualsiasi elemento formale della domanda possono essere sanate attraverso la procedura di soccorso istruttorio di cui all’art. 83, comma 9 del d.lgs. n. 50/2016. In particolare, in caso di mancanza, incompletezza e di ogni altra irregolarità essenziale degli elementi e delle dichiarazioni, con esclusione di quelle afferenti all’offerta economica, verrà assegnato al concorrente un termine di 10 giorni perché siano rese, integrate o regolarizzate le dichiarazioni necessarie. In caso di inutile decorso del suddetto termine la Stazione Appaltante procederà all’esclusione del concorrente dalla procedura. La Stazione Appaltante si riserva di richiedere ai concorrenti chiarimenti in ordine al contenuto dei certificati, documenti e dichiarazioni presentati necessari alla verifica della sussistenza dei requisiti di partecipazione. Costituiscono irregolarità essenziali non sanabili le carenze della documentazione che non consentono l’individuazione del contenuto o del soggetto responsabile della stessa

La verifica in ordine alla veridicità di tutte le dichiarazioni verrà effettuata nei confronti del Concorrente classificatosi al primo posto della graduatoria di gara.

I Concorrenti potranno essere invitati a fornire chiarimenti in merito alla documentazione e alle dichiarazioni presentate e/o integrazioni a riprova della sussistenza dei requisiti richiesti.

Si precisa che i Concorrenti saranno soggetti alle disposizioni inerenti alla disciplina sulla tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi dell’art. 3 della legge n. 136/2010.

B. BUSTA B “OFFERTA ECONOMICA”

Contenuto della “Busta B – Offerta economica”. Nella “Busta B – Offerta economica” deve essere contenuta,

a pena di esclusione, la seguente documentazione:

- dichiarazione (per la redazione della quale può essere utilizzato il modello Allegato E) sottoscritta dal legale rappresentante o da un suo procuratore, contenente:

  1. ribasso percentuale offerto sull’importo dei lavori a base di gara (esclusi gli oneri della sicurezza non soggetti a ribasso pari a euro 118.499,76) IVA esclusa, indicato in cifre ed in lettera; in caso di discordanza tra il prezzo in cifra e quello in lettera prevarrà l’offerta in lettera. Il ribasso offerto dovrà essere espresso con un massimo di 3 decimali. Nel caso un Concorrente indicasse più di tre cifre decimali, non si considererà il quarto decimale. Pertanto, non verrà effettuata alcuna operazione di
  2. la dichiarazione di aver tenuto conto delle eventuali discordanze nelle indicazioni qualitative e quantitative delle voci rilevabili dal computo metrico estimativo nella


formulazione dell’offerta, che, riferita all'esecuzione dei lavori secondo gli elaborati

progettuali posti a base di gara, resta comunque fissa ed invariabile;

  1. a pena di esclusione, indicazione, ai sensi dell’art. 95, comma 10 del d.lgs. n. 50/2016, dei costi della manodopera per l’esecuzione delle prestazioni oggetto di affidamento, per l’intera durata contrattuale (compilare Allegato E con l’indicazione del CCNL applicato, del numero di persone da impiegare nell’appalto in caso di aggiudicazione e, per ciascuna unità, precisare: qualifica, livello, numero di ore di lavoro stimate, costo orario per singola unità e totale della manodopera per livello, ai fini della verifica della congruità del costo della manodopera);
  2. a pena di esclusione, indicazione, ai sensi dell’art. 95, comma 10 del Lgs. 50/2016, degli oneri aziendali concernenti l’adempimento delle disposizioni in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, occorrenti ai fini della corretta e puntuale gestione delle attività oggetto di affidamento, per l’intera durata contrattuale.

La dichiarazione di offerta economica, a pena di esclusione, deve essere sottoscritta dal legale rappresentante del concorrente o da un suo procuratore; in caso di concorrente costituito da raggruppamento temporaneo o da un consorzio non ancora costituiti, nonché in caso di aggregazioni di imprese di rete, i suddetti documenti devono essere sottoscritti da tutti i soggetti che costituiranno il già menzionato raggruppamento, aggregazione o consorzio.

Con il solo fatto della presentazione dell’offerta si intenderanno accettate da parte del Concorrente tutte le condizioni e modalità previste dalla Lettera di Invito, dal Capitolato Speciale e da tutta la documentazione di gara.

L’offerta economica dovrà avere una validità non inferiore a 180 giorni dalla data di scadenza del termine di presentazione delle offerte.

In caso di mancanze, incompletezze e ogni altra irregolarità riguardanti l’offerta economica, si procederà all’immediata esclusione del Concorrente, senza alcuna possibilità di integrazione e/o regolarizzazione salvo quanto consentito dalla legge e dalla giurisprudenza attraverso l’istituto del soccorso istruttorio.

ARTICOLO 8 – MODALITÀ DI ESPLETAMENTO DELLA GARA CON INVERSIONE PROCEDIMENTALE

Per la presente gara si applica l’inversione procedimentale, ai sensi dell’art. 2, comma 4, del D.L. n. 76/2020 convertito con legge L. n. 120 del giorno 11/09/2020 e degli articoli 133, comma 8, del d.Lgs. 50/2016 e 1, comma 3, della L. 55/2019 (da ultimo modificato dall’art. 8, comma 7, della L.120/2020). Il RUP provvederà ad aprire le offerte economiche e, successivamente, la busta amministrativa del Concorrente che risulterà essere primo in graduatoria.

In particolare, la Stazione Appaltante procederà ad esaminare le offerte economiche presentate. Al termine delle operazioni sarà individuato l’operatore economico che ha formulato l’offerta migliore, applicando la clausola di esclusione automatica prevista dall’art. 97, comma 8, d.lgs. 50/2016, purché il numero di offerte ammesse non sia inferiore a cinque.

Dopodiché si procederà all’apertura ed all’esame della documentazione amministrativa del Concorrente primo in graduatoria. Qualora all’esito dell’applicazione della clausola di esclusione automatica, il primo in graduatoria, all’esito delle verifiche relative alla documentazione amministrativa, venisse escluso dalla procedura di gara, la Stazione Appaltante, in applicazione del principio della c.d. cristallizzazione della soglia, non procederà al ricalcolo della soglia di anomalia, ma procederà allo scorrimento della graduatoria già determinata.


Con riferimento al procedimento di esclusione automatica dell’anomalia si precisa che:

  • ai sensi dell’art. 97, comma 8, del lgs. n. 50/2016, modificato dal D.L. n. 76 del 16.7.2020, nel caso in cui le offerte valide che verranno presentate fossero inferiori a 5, non opererà l’esclusione automatica delle offerte che presentino una percentuale di ribasso pari o superiore alla predetta soglia;
  • in ogni caso la Stazione Appaltante valuta la congruità di ogni offerta che, in base ad elementi specifici, appaia anormalmente

L’eventuale sub procedimento di valutazione delle offerte anormalmente basse verrà rimesso direttamente

al RUP.

Relativamente ai costi della manodopera, prima dell’aggiudicazione si procederà, ai sensi dell’art. 95, comma 10 del d.lgs. n. 50/2016, a verificare il rispetto di quanto previsto all’art. 97, comma 5, lett. d) del citato Decreto, ovvero che il costo del personale non sia inferiore ai minimi salariali retributivi indicati nelle apposite tabelle di cui all’art. 23, comma 16 del d.lgs. n. 50/2016.

Il calcolo dell’anomalia verrà effettuato direttamente dal RUP.

Le operazioni di gara si concludono con la proposta di aggiudicazione.

ARTICOLO 9 – DOCUMENTAZIONE

Con la lettera contenente la proposta di aggiudicazione verrà richiesto al concorrente di produrre la documentazione necessaria per effettuare le verifiche previste dalla normativa e propedeutici alla stipula del contratto.

In particolare, l’aggiudicatario dovrà produrre entro i termini concessi:

-  DURC regolare alla data di presentazione dell’offerta;

  • Copia casellario giudiziale di tutti i soggetti di cui al comma 3 art. 80 d.lgs 50/2016 di seguito specificati: titolare o direttore tecnico, se si tratta di impresa individuale; socio o direttore tecnico, se si tratta di società in nome collettivo; soci accomandatari o direttore tecnico, se si tratta di società in accomandita semplice; membri del consiglio di amministrazione cui sia stata conferita la legale rappresentanza, ivi compresi institori e procuratori generali, membri degli organi con poteri di direzione o di vigilanza – revisore contabile – o soggetti muniti di poteri di rappresentanza, di direzione o di controllo, direttore tecnico o socio unico persona fisica, ovvero socio di maggioranza in caso di società con un numero di soci pari o inferiore a quattro, se si tratta di altro tipo di società o consorzio, soggetti cessati dalla carica nell'anno antecedente la data di pubblicazione del bando di gara;
  • Copia certificato carichi pendenti di tutti i soggetti del comma 3 art. 80 d.lgs. 50/2016 sopra specificati;
  • Copia visura senza valore di certificazione delle iscrizioni nel casellario giudiziale (art. 33. DPR 14.11.2002 n. 313); (per i provvedimenti che hanno la non menzione)
  • Copia certificazione dei carichi pendenti risultanti dal sistema informatico dell’anagrafe tributaria;
  • Copia certificato di regolarità fiscale;
  • Documentazione necessaria per le verifiche antimafia;
  • (in caso di partecipazione in costituendo raggruppamento) Mandato collettivo speciale irrevocabile con rappresentanza conferito alla mandataria con atto pubblico o scrittura privata autenticata, nel quale siano contenute le quote di partecipazione di ciascun soggetto, come indicate nella domanda di partecipazione e nella dichiarazione di impegno a costituire il raggruppamento;
  • Indicazione degli estremi identificativi del conto corrente bancario o postale acceso ai sensi dell’art. 3 della n. 136/2010, specificando le generalità e il codice fiscale dei soggetti delegati ad operare su di esso;
  • quant’altro ritenuto necessario dalla Stazione Appaltante ai fini della stipula del

Alla luce dei tempi noti per la richiesta e il rilascio della documentazione da parte dei competenti uffici giudiziari, a seconda della disponibilità dei medesimi documenti da parte di ciascun concorrente, si invitano i concorrenti stessi a porre in essere le misure necessarie volte a consentire una risposta sollecita alla richiesta della documentazione da parte della Stazione Appaltante.

 

Nel caso in cui in capo all’operatore economico primo in graduatoria dovesse riscontrarsi la mancanza dei requisiti di ordine generale di cui all’art. 80 d.lgs. 50/2016 o di ordine speciale, la Stazione Appaltante procederà alle medesime verifiche in capo al secondo classificato, fino a formulare proposta di aggiudicazione a favore del soggetto coi requisiti richiesti, ai sensi dell’art. 33 d.lgs. 50/2016. Si applica l’art. 32 d.lgs. 50/2016.

ARTICOLO 10 – MODALITA’ DI ACCESSO ALLA DOCUMENTAZIONE DI PROGETTO E SOPRALLUOGO

Tutta la documentazione di progetto è disponibile al seguente link: https://www.officinemak.it/news/invito- e-documentazione-gara-appalto-cassano.php

Una volta presa coscienza del progetto, le imprese concorrenti interessate potranno recarsi ad effettuare il sopralluogo autonomamente. Dell’effettuazione di tale operazione dovranno darne atto compilando e sottoscrivendo il documento ATTESTAZIONE DI AVVENUTO SOPRALLUOGO (Allegato D), che dovrà poi essere inserito nella “Busta A – Documentazione Amministrativa”. Il sopralluogo potrà essere effettuato da un rappresentante legale o da un direttore tecnico del concorrente, come risultanti da certificato CCIAA/Albo/Registro o da soggetto diverso munito di delega, purché dipendente dell’operatore economico concorrente. In caso di raggruppamento temporaneo, GEIE, aggregazione di imprese di rete o consorzio ordinario, sia già costituiti che non ancora costituiti, il sopralluogo può essere effettuato da un incaricato per tutti gli operatori economici raggruppati, aggregati in rete o consorziati, purché munito delle deleghe di tutti i suddetti operatori. In caso di consorzio di cooperative, consorzio di imprese artigiane o consorzio stabile, il sopralluogo deve essere effettuato a cura del consorzio oppure dell’operatore economico consorziato indicato come esecutore dei lavori.

ARTICOLO 11 – CAUSE DI ESCLUSIONE DALLA GARA

Saranno esclusi i concorrenti in caso di mancato adempimento alle prescrizioni previste dal d.lgs. n. 50/2016 e da altre disposizioni di legge vigenti, nonché nei casi di incertezza assoluta sul contenuto o sulla provenienza dell’offerta, per difetto di sottoscrizione o di altri elementi essenziali ovvero in caso di non integrità del plico contenente l'offerta o la domanda di partecipazione o altre irregolarità relative alla chiusura dei plichi, tali da far ritenere, secondo le circostanze concrete, che sia stato violato il principio di segretezza delle offerte.

ARTICOLO 12 – DISPOSIZIONI VARIE

Tutti i documenti presentati, a pena di esclusione, dovranno essere prodotti in conformità al D.P.R. n. 445/2000 e successive modificazioni ed integrazioni.

Si procederà all’aggiudicazione anche in presenza di una sola offerta valida, sempre che sia ritenuta congrua

e conveniente ai sensi dell’art. 97, comma 1, del d.lgs. n. 50/2016.

Ai sensi dell’art. 95, comma 12, del d.lgs. n. 50/2016 è facoltà della Stazione Appaltante di non procedere all’aggiudicazione della gara qualora nessuna offerta risulti conveniente o idonea in relazione all’oggetto del contratto, o se aggiudicata, di non stipulare il contratto d’appalto.

Si precisa che non saranno ammesse e verranno pertanto escluse le offerte plurime, condizionate, alternative o espresse in aumento rispetto all’importo a base di gara.

In caso di offerte uguali la Commissione procederà per sorteggio.

L’aggiudicatario sarà assoggettato agli obblighi di tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi di quanto previsto

dalla legge n. 136/2010.

L’aggiudicatario dovrà risultare in regola con gli obblighi previdenziali e assistenziali previsti dalla legislazione italiana o dallo Stato in cui è stabilito e, entro il termine indicato nella lettera di comunicazione, dovrà presentare il Piano di Sicurezza.

In caso di aggiudicazione, le imprese facenti parti del RTI dovranno costituire formalmente il Raggruppamento entro 12 giorni dalla data di comunicazione dell’aggiudicazione.

Qualora l’Appaltatore, per cause a lui imputabili, non produca la documentazione necessaria per la stipula del contratto entro 35 giorni dalla comunicazione di aggiudicazione o non sottoscriva il contratto nei termini indicati dalla Stazione Appaltante, la stessa potrà dichiarare la decadenza dell’affidamento e procedere a favore del secondo in graduatoria.

Tutte le spese ed imposte relative alla stipulazione del contratto sono a carico dell’aggiudicatario.

ARTICOLO 13 – CHIARIMENTI

Sarà possibile, da parte dei concorrenti, ottenere chiarimenti in ordine alla presente procedura mediante la proposizione di quesiti scritti da inoltrare alla cortese attenzione del Responsabile Unico del Procedimento all’indirizzo e-mail giovanni.rossi5@ingpec.eu entro e non oltre le ore 12.00 del giorno 13 maggio 2021. Non saranno fornite risposte ai quesiti pervenuti successivamente al termine sopra indicato per la loro formulazione. Si specifica che i quesiti possono essere rivolti esclusivamente per chiedere chiarimenti di natura tecnica o in merito a prescrizioni della lettera di invito equivoche o contraddittorie. Non saranno ammessi quesiti con cui si chiedono alla Stazione Appaltante valutazioni relative alla ammissibilità o alle modalità di partecipazione di un concorrente. Eventuali modifiche e/o integrazioni alla documentazione di gara verranno rese note con le medesime modalità utilizzate per la spedizione della lettera di invito.


ARTICOLO 14 – INFORMAZIONI DEI CANDIDATI E DEGLI OFFERENTI

Al fine di consentire una massima pubblicità e trasparenza del proprio operato, la Stazione Appaltante

provvederà a comunicare d’ufficio, tramite pec, immediatamente nel rispetto dell’art. 76 d.lgs. n. 50/2016:

  • l’aggiudicazione e la data di avvenuta stipulazione del contratto, all’aggiudicatario, al concorrente che segue in graduatoria e a tutti i candidati che hanno presentato offerta, e a coloro la cui candidatura o offerta siano state escluse;
  • l’esclusione ai candidati e agli offerenti esclusi;
  • la decisione di non aggiudicare un appalto, a tutti i

ARTICOLO 15 – STIPULA DEL CONTRATTO

Divenuta efficace l’aggiudicazione definitiva, la Stazione Appaltante procederà alla stipula del contratto con

l’aggiudicatario, previa presentazione della documentazione prevista nel contratto.

ARTICOLO 16 – OSSERVANZA DI LEGGI E REGOLAMENTI

Per quanto non espressamente previsto nella presente lettera di invito e nel Capitolato, si fa riferimento alla normativa contenuta nel d.lgs. n. 50/2016, nel d.lgs. n. 81/2008, nel Codice Civile e alle disposizioni di legge vigenti in materia.

ARTICOLO 17 – CONTROVERSIE

Tutte le controversie derivanti da contratto sono deferite alla competenza dell’Autorità giudiziaria del Foro

di Milano, rimanendo esclusa la competenza arbitrale.

ARTICOLO 18 – RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

Ai fini della presente procedura negoziata il responsabile del procedimento è Ing. Giovanni Rossi.

Ai sensi dell’articolo 13 del Regolamento UE n. 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati (nel seguito anche “Regolamento UE” o “GDPR”), si forniscono le seguenti informazioni sul trattamento dei dati personali.

Finalità del trattamento

I dati forniti dai concorrenti vengono raccolti e trattati dalla Stazione Appaltante per verificare la sussistenza dei requisiti richiesti dalla legge ai fini della partecipazione alla gara e, in particolare, ai fini della verifica delle capacità amministrative e tecnico economiche di tali soggetti, nonché ai fini dell’aggiudicazione, in adempimento di precisi obblighi di legge derivanti dalla normativa in materia di appalti e contrattualistica pubblica.

I dati forniti dal concorrente aggiudicatario vengono acquisiti dalla Stazione Appaltante ai fini della stipula del Contratto e per l’adempimento degli obblighi legali ad esso connessi.

Tutti i dati acquisiti potranno essere trattati anche per fini di studio e statistici nel rispetto e delle norme previste dal Regolamento UE.

Base giuridica e natura del conferimento

Il Concorrente è tenuto a fornire i dati alla Stazione Appaltante, in ragione degli obblighi legali derivanti dalla normativa in materia di appalti e contrattualistica pubblica. Il rifiuto di fornire i dati richiesti potrebbe determinare, a seconda dei casi, l’impossibilità di ammettere il concorrente alla partecipazione alla gara o la sua esclusione da questa o la decadenza dall'aggiudicazione, nonché l’impossibilità di stipulare il contratto.

Natura dei dati trattati

I dati oggetto di trattamento per le finalità sopra specificate, sono della seguente natura:

  1. dati personali comuni (per esempio anagrafici e di contatto);
  2. dati relativi a condanne penali e a reati (“giudiziari”) di cui all’articolo 10 Regolamento UE, al solo scopo di valutare il possesso dei requisiti e delle qualità previsti dalla normativa vigente ai fini della partecipazione alla gara e dell’aggiudicazione. Non vengono, invece, richiesti i dati rientranti nelle “categorie particolari di dati personali” (“sensibili”) di cui all’articolo 9 Regolamento

Modalità del trattamento dei dati

Il trattamento dei dati verrà effettuato in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza necessarie e potrà essere attuato mediante strumenti manuali, cartacei, informatici e telematici idonei a trattare i dati nel rispetto delle misure di sicurezza previste dal Regolamento UE.

Ambito di comunicazione e di diffusione dei dati

I dati potranno essere:

  • trattati dal personale della stazione appaltante che cura il procedimento di gara e l’esecuzione del Contratto, dal personale di altri uffici della medesima che svolgono attività inerenti, nonché dagli uffici che si occupano di attività per fini di studio e statistici;
  • comunicati a collaboratori autonomi, professionisti, consulenti, che prestino attività di consulenza o assistenza alla Stazione Appaltante in ordine al procedimento di gara ed all’esecuzione del Contratto, anche per l’eventuale tutela in giudizio, o per studi di settore o fini statistici;
  • comunicati ad eventuali soggetti esterni, facenti parte delle Commissioni di aggiudicazione e/o di collaudo che verranno di volta in volta costituite;
  • comunicati ad altri concorrenti che facciano richiesta di accesso ai documenti di gara nei limiti consentiti ai sensi della legge 7 agosto 1990, n.

Il nominativo del concorrente aggiudicatario della gara ed il prezzo di aggiudicazione dell’appalto saranno pubblicati sul sito internet www.officinemak.it.

Oltre a quanto sopra, in adempimento agli obblighi di legge che impongono la trasparenza amministrativa, il concorrente/contraente prende atto ed acconsente a che i dati e la documentazione che la legge impone di pubblicare, siano pubblicati e diffusi, ricorrendone le condizioni, tramite il sito internet www.officinemak.it.

Periodo di conservazione dei dati

Il periodo di conservazione dei dati è di 10 anni dalla conclusione dell’esecuzione del Contratto, in ragione delle potenziali azioni legali esercitabili. Inoltre, i dati potranno essere conservati, anche in forma aggregata, per fini di studio o statistici nel rispetto degli articoli 89 del Regolamento UE.

Diritti del concorrente/interessato

Per “interessato” si intende qualsiasi persona fisica i cui dati sono trasferiti dal concorrente alla Stazione Appaltante.

All'interessato vengono riconosciuti i diritti di cui agli articoli da 15 a 23 del Regolamento UE. In particolare,

l’interessato ha:

  1. il diritto di ottenere, in qualunque momento la conferma che sia o meno in corso un trattamento di dati personali che lo riguardano;
  2. il diritto di accesso ai propri dati personali per conoscere: la finalità del trattamento, la categoria di dati trattati, i destinatari o le categorie di destinatari cui i dati sono o saranno comunicati, il periodo di conservazione degli stessi o i criteri utilizzati per determinare tale periodo;
  • il diritto di chiedere - e nel caso ottenere - la rettifica e, ove possibile, la cancellazione o la limitazione del trattamento, nonché di opporsi, per motivi legittimi, al loro trattamento;
  1. il diritto alla portabilità dei dati che sarà applicabile nei limiti di cui all’articolo20 del Regolamento UE.

Se in caso di esercizio del diritto di accesso e dei diritti connessi, la risposta all'istanza non perverrà nei termini di legge e/o non sarà ritenuta soddisfacente dall’interessato, quest’ultimo potrà far valere i propri diritti innanzi all'autorità giudiziaria o rivolgendosi al Garante per la protezione dei dati personali mediante apposito reclamo, ricorso o segnalazione.

Titolare del trattamento e Responsabile della Protezione dei dati

Titolare del trattamento è la Stazione Appaltante, che ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati.

Qualsiasi richiesta in merito al trattamento dei dati personali conferiti e all'esercizio dei diritti dovrà essere indirizzata al Responsabile della Protezione dei dati (DPO) che potrà essere contattato al seguente indirizzo e-mail amministrazione@officinemak.it.

Consenso al trattamento dei dati personali

Acquisite le sopra riportate informazioni, con la presentazione dell’offerta e/o la sottoscrizione del Contratto, il legale rappresentante pro tempore del Concorrente/aggiudicatario prende atto ed acconsente espressamente al trattamento come sopra definito dei dati personali, anche giudiziari, che lo riguardano.

Il concorrente si impegna ad adempiere agli obblighi di informativa e di consenso, ove necessario, nei confronti delle persone fisiche (Interessati) di cui sono forniti dati personali nell’ambito della procedura di affidamento, per quanto concerne il trattamento dei loro dati personali, anche giudiziari, da parte della Stazione Appaltante per le finalità sopra descritte.

19 – ACCESSO AGLI ATTI

Ferme restando le disposizioni contenute nella Legge n. 241/1990 e s.m.i. e nell’art. 53 del d.lgs. n. 50/2016, il diritto di accesso agli atti può essere esercitato, nei modi e nelle forme indicate nella predetta normativa, mediante richiesta da inviarsi all’indirizzo pec: officinemak@pec.edslegal.it.

*   *  *

La presente lettera d’invito viene inviata tramite PEC e viene pubblicata sul sito ww.officnemak.it

Milano, 17 maggio 2021



Officine Mak S.r.l.